Ottobre: cosa fare in casa e in giardino

Ottobre: cosa fare in casa e in giardino

Sebastiano, Tuttofare autodidatta

Guida scritta da:

Sebastiano, Tuttofare autodidatta

261 guide

Ottobre arriva e,di conseguenza, anche le prime piogge che rinfrescano l'aria. Si passa all'ora solare durante l'ultimo week-end del mese, mentre il giardino si colora con frutta e ortaggi di stagione. Le foglie cadono e ci si prepara a svernare piante e mobili da esterno in vista della stagione fredda. In casa si inizia ad accendere il riscaldamento, a cucinare la zucca e tutte le tipiche ricette autunnali.
Tutti i nostri radiatori elettrici

Nonostante l'aria mattutina sempre più fresca, ad ottobre l'orto è generoso ed invita il giardiniere a raccogliere frutta ed ortaggi autunnali. Fino a metà mese sarà possibile piantare fragole in terreno ricco e, nelle regioni in cui l'inverno arriva più tardi, perfino fave, cavolo cappuccio, lattuga, carciofi e bulbi che fioriranno in primavera. Le piante che soffrono il freddo posso essere travasate e messe al riparo. Gladioli, dalie, crocosmie, canne, begonie tuberose... i bulbi estivi possono essere dissotterrati e riposti in un luogo asciutto e aerato come la cantina o il garage per essere poi ripiantati in primavera. Camelie, magnolie, fusaggine, agrifogli e altri arbusti sempreverdi possono essere piantati, come tutti gli alberi da frutto in vaso, così come i piccoli frutti. Tra una raccolta e un'ultima piantagione, è anche il periodo giusto per spargere letame e seminare sovescio sulle zone libere.

Proprio come la primavera, anche l'autunno offre un ventaglio di colori, ma più fugaci e nelle sfumature del giallo e dell'arancione. Giorno dopo giorno, dopo essersi adornati di questa bella corona ottobrina, gli alberi si spogliano e ricoprono il terreno con la loro vecchia chioma, che spazzini e proprietari di giardini fanno fatica a spazzar via. Se il fascino dell'autunno resta innegabile, la fine del mese decreta ufficialmente la fine del caldo, degli ultimi tuffi in piscina (nelle regioni più calde) e l'arrivo del freddo. Un'ultima passata di tosaerba e di scarificatore in giardino, svernaggio delle piante sotto serra, potatura di siepi e arbusti: chi ha un giardino non poltrisce di certo e sa che ottobre sta all'autunno come aprile sta alla primavera.

In base alla regione in cui abiti, alla tua tolleranza al freddo e al tuo grado di motivazione, l'arrivo del cattivo tempo porrà fine ai pranzi sul terrazzo o in giardino, ai barbecue e ai tuffi in piscina. Se ottobre è sicuramente uno dei mesi più romantici e apprezzati dai poeti, per tutti gli altri, l'arrivo della festa di Ognissanti porta malinconia e... lo svernamento della piscina, da effettuare quando la temperatura dell'acqua raggiunge i 12°C costanti. Allo stesso modo, salsicce e spiedini abbandonati fanno rima con barbecue e piastra sistemati. Per chi ama invece passare le serate autunnali ad osservare le stelle, bisognerà coprirsi o procurarsi una stufa a fungo, soluzione però poco ecologica. I ritardatari invece, che rimandano dalla primavera, potranno approfittare delle ultime belle giornate per fare la manutenzione del legno o del ferro battuto. 

A causa dell'ora solare, che verrà adottata nella notte tra sabato 30 e domenica 31 ottobre, circa 107 minuti di luce solare saranno persi durante tutto il mese, che avrà una temperatura media di circa 20°C sull'insieme del territorio. Se abiti in una villetta o in una casa indipendente, dovrai tenere accesa la luce più a lungo e, soprattutto, mettere in funzione o reinstallare il sistema di riscaldamento. Per quanto riguarda la bolletta, come già ripetuto più volte, le luci a LED consumano fino al 90% in meno delle lampadine alogene contro il 60% delle fluorescenti, una pompa di calore consente un risparmio del 50%, i radiatori a inerzia del 10%, mentre la differenza tra una vecchia caldaia a gas poco efficiente ed una più recente, corrisponde al 20% in meno circa sulla fattura. Si tratta di piccole accortezze che permetteranno al salvadanaio di impinguirsi e a te di avere un miglior comfort termico. 

Si sa, con i primi freddi si ha difficoltà a metter piede fuori dal letto al mattino. Ma perché? Voglia di letargo o reazione naturale alla mancanza di luce? Si tratta di entrambe le cose, in effetti. Anche se l'Uomo è meno peloso dell'orso e presenta una testa meno piatta di quella della marmotta, si tratta pur sempre di un mammifero i cui comportamenti sono influenzati dai ritmi della stagione. Per questa ragione ti consigliamo di scegliere con cura i tessili per la camera da letto, di creare un nido caloroso e comodo e... cedere al richiamo della coperta! Non dimenticare che abbiamo tutti parecchio sonno da recuperare: quale periodo migliore per colmare questa carenza?

La cattiva stagione fa venir voglia di mangiare e, automaticamente, di cucinare. Prima di accendere i fornelli e imburrare teglie, bisognerebbe però dotarsi di una cucina attrezzata, in modo da preparare manicaretti tutto il giorno. Con circa un'ora al giorno in media passata a cucinare e circa due ore per mangiare, gli italiani si classificano tra i popoli che passano più tempo in cucina secondo uno studio dell'OECD. Che tu preferisca il dolce o il salato, non hai scuse, tutto inizia con una cucina all'avanguardia!

Per il tuttofare, il mese di ottobre è un po' come il mese di settembre: ci si dedica all'organizzazione del garage e dell'officina. Bisogna però dire che le intemperie autunnali agevolano anche i lavori al coperto e i progetti di ristrutturazione, dai più semplici ai più complessi. E mentre qualcuno ne approfitta per dedicarsi all'imbottigliamento del vino, altri imparano a saldare e lavorare il ferro o il legno, ad un passatempo creativo come il mosaico o al rinnovano una vecchia Simca 1000 lasciata troppo tempo in garage. E tu? A cosa ti dedicherai questa stagione?    

In base alla tua posizione sulla questione animalista, le galline possono esser viste come membri della famiglia, delle macchine sforna-uova e letame di qualità, delle alleate per ridurre i rifiuti della cucina o dei piatti da assaporare la domenica con patate e rosmarino. L'idea di avere un pollaio è molto allettante per il suo fascino rustico e ludico, se si hanno bambini. Prima però di ogni installazione, considera bene il carico di lavoro che implica e informati presso il comune di residenza. Il suono del chicchirichì potrebbe non piacere ai tuoi vicini e, anche se meno impegnative di cani e gatti, le galline richiedono cure e attenzioni quotidiane.

Tutti i nostri radiatori elettrici

Guida scritta da:

Sebastiano, Tuttofare autodidatta, 261 guide

Sebastiano, Tuttofare autodidatta

Rifare un tetto? Fatto. Addetto ai consigli di bricolage in un negozio? Fatto. Rifare l'impianto idraulico di un bagno? Fatto. Abbattere muri, costruire muri, dipingere pareti? Fatto. Sapete qual è il motto del tuttofare? Imparare è meglio che delegare! E poi è anche una questione di portafoglio e di soddisfazione personale! Consigliarvi? Farò del mio meglio!