Consegna gratuita e 15€ in regalo sull'app! Con il codice POOL15Approfittane
Chi siamo
Piantare, fertilizzare e potare una pianta di limone

Piantare, fertilizzare e potare una pianta di limone

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

127 guide

Presenza costante nel panorama delle nostre città costiere, il limone è la pianta ornamentale per eccellenza grazie alle loro foglie di colore verde intenso e i rami dai frutti gialli. Varietà, fioritura, fertilizzazione e semina, cura della pianta di limone: ti sveliamo i segreti in questa guida!
Scopri tutti i prodotti per la cura delle piante!

Le piante di limoni sono le vere protagoniste del paesaggio mediterraneo. Della famiglia degli agrumi, la pianta viene coltivata in agricoltura per i suoi frutti buoni e benefici. Trattandosi di sempreverdi, e quindi di alberi di facile coltivazione, è anche molto diffusa come pianta decorativa in vaso.

Bella da vedere, ottima per l’organismo e comoda da avere a portata di mano, soprattutto per chi ama usarla in cucina, è una pianta che risponde a tutte le necessità! Ecco un po’ di suggerimenti da tenere presente se vuoi far crescere facilmente e in piena autonomia una pianta di limoni in vaso.

Scopri il catalogo ManoMano
Piante da frutto

La coltivazione del limone ha origini incerte: le prime testimonianze sembrano farla risalire al sud-est asiatico, anche se gli antichi Romani già conoscevano probabilmente i limoni. Le prime coltivazioni in Europa si sviluppano però a Genova, intorno all’anno 1450. 

Diffuso e coltivato prevalentemente nei paesi con clima subtropicale, quindi umidi e caldi, il limone o citrus limon deriva da un incrocio tra le piante del cedro e dell’arancio amaro. La pianta raggiunge generalmente un’altezza compresa tra i 3 e i 6 metri, è dotata di foglie allungate di colore verde scuro e di spine di piccole dimensioni (circa 1 cm) posizionate sui rami.

La fioritura avviene generalmente due volte l’anno, una a fine inverno, più abbondante, e la seconda in estate, dopo la potatura. Il frutto giallo prodotto dalla pianta ha forma allungata e polpa di colore chiaro, ricca di succo, la buccia può essere più o meno spessa e rugosa a seconda della varietà della pianta.

Data la diffusione del limone, le varietà disponibili sono tantissime ma le differenze sono principalmente di tipo estetico. Quanto al gusto e ai benefici, non si riscontrano grandi variazioni. Sia la scorza che il succo delle diverse varietà sono infatti utilizzati nell’industria alimentare per la preparazione e la conservazione di alimenti, e, grazie alla composizione ricca di vitamina C e minerali benefici come calcio, potassio e magnesio si hanno anche usi farmaceutici nell’industria cosmetica e in aromaterapia.

Tra le più varietà diffuse e apprezzate in Italia ricordiamo:

  • Arancino;
  • Femminello;
  • Lunario;
  • Monachello;
  • Amalfitano.

Nello scegliere quale pianta di limone comprare, la varietà, come abbiamo visto, non ha un grosso impatto: meglio assicurarsi di individuare e portare a casa una pianta in buona salute e, se desideriamo iniziare presto a raccoglierne i frutti, cresciuta da circa 3 anni in altezza

Per chi ama sperimentare e vorrebbe far crescere la propria pianta di limoni, è possibile iniziarne la coltivazione facendo germinare i semi che si trovano all’interno del frutto:

  1. Dalla spremitura del frutto ricavare i semi.
  2. Dato che non tutti potrebbero germogliare, meglio sceglierne i più grandi e carnosi.
  3. Pulirli sciaquandoli in acqua tiepida e lasciare asciugare.
  4. Se si desidera accelerare il processo, dovremo rimuovere la pellicina bianca che riveste i semi (attenzione a non danneggiare il seme durante questa operazione!), se non desideriamo correre rischi possiamo mantenerla intatta. 
  5. È possibile scegliere se piantare direttamente i semi distanziati in un piccolo vaso con del terriccio specifico per acidofile oppure optare per un passaggio aggiuntivo, disponendo prima i semi su del cotone o carta assorbente inumidita con acqua e posizionata in un recipiente da chiudere per mantenere l’umidità e il calore necessari allo sviluppo del seme.
  6. Una volta che le radici saranno cresciute di circa 2 cm, procedere alla messa a dimora in vaso delle piante.
  7. Dopo circa 20 giorni spunteranno le prime foglioline che cresceranno in rami.
Scopri il catalogo ManoMano
Terricci

Ma la pianta di limone quanto ci mette a crescere? Se abbiamo scelto di acquistare la nostra pianta di limone in vaso il procedimento sarà naturalmente più rapido. Se abbiamo deciso di far crescere una pianta di limone direttamente dal seme, dovremo armarci di pazienza: in media sono necessari 5 anni per avere i frutti.

Se scegliamo di innestare la nostra pianta, il periodo si accorcia: saranno sufficienti circa 2 o 3 anni. Non bisogna però disperare e dimenticarsi del lato positivo: a una pianta in vaso più grande normalmente corrisponde una maggiore quantità di prodotto, quindi più limoni! 

Ecco qualche suggerimento per ottimizzare la coltivazione di questa pianta dalle innumerevoli proprietà e benefici:

  • Scegliamo un vaso di circa 30 - 40 cm di diametro (la terracotta è il materiale più adatto);
  • In media, il miglior periodo per la semina della pianta è l'inizio della primavera; 
  • Ricoprire il fondo del vaso con uno strato di alcuni cm di argilla espansa, a cui sovrapporremo poi del terriccio specifico per agrumi, ricco di torba, sabbia, vermiculite e fertilizzante organico;
  • Sistemare la pianta al centro del vaso, avendo cura di non compattare troppo il terreno per non schiacciare le radici, e una volta terminato annaffiare abbondantemente con acqua.  
  • La pianta di limone gradisce l’esposizione soleggiata, anche durante l’estate per le piante adulte in vaso.
  • Amando l’umidità hanno bisogno di acqua e innaffiature costanti e regolari nei mesi più caldi, durante l’inverno diminuire invece le quantità ma non interrompere mai del tutto l’apporto di acqua.
  • Con l’inizio della primavera è necessario fornire alla pianta azoto e potassio, consigliabile l’uso a cadenza regolare di fertilizzanti specifici per poter sostenere le fioriture e riequilibrare le eventuali mancanze e carenze del terriccio. 
Scopri il catalogo ManoMano
Concimi per piante

La potatura delle piante di limone va effettuata alla fine del periodo estivo, a fioritura completa. La potatura può però rendersi necessaria più volte durante l’anno: bisogna eliminare i rami privi di fiori, quelli danneggiati, secchi o troppo cresciuti, con troppe o poche foglie. Con la potatura manteniamo in salute e areato il centro della chioma della pianta del limone, per consentire alla luce del sole di raggiungere tutti i rami ed evitare l’insorgere di parassiti e malattie sulla pianta e sulle foglie.

Nel periodo di raccolta del limone è preferibile prelevare solo i frutti gialli e ben maturi: tagliando parte del picciolo, i limoni potranno durare fino a due mesi se conservati in ambiente fresco e asciutto.

Nonostante sia una pianta di facile coltivazione, è bene ricordare che durante l’inverno può aver bisogno di cure speciali.

Cura in inverno

A che temperatura resiste la pianta di limone? A causa dell’origine sub tropicale la pianta soffre il vento, gli sbalzi termici eccessivi e le gelate: è quindi necessario riparare le vostre piante tra novembre e aprile mettendole in serra, oppure ricoprirle utilizzando teli specifici e cappucci di tessuto non tessuto. Con temperature vicino allo zero iniziano i danni che possono compromettere o minare (se inferiori agli 0° C) la sopravvivenza della pianta, che però resiste bene alle alte temperature, fino ai 40° C.

Rinvaso del limone

Ogni 2 anni circa è consigliabile trapiantare la pianta in un nuovo vaso, di qualche cm più grande, per dare nuovo spazio per far crescere le radici e dunque la pianta in altezza. Si può, in questa occasione, rinnovare e concimare il terriccio, avendo sempre cura di mantenere un buon drenaggio. Le piante di limone adulte crescono in vasi con diametro di 80 o 100 cm.

Malattie della pianta di limone

Tra le malattie che possono colpire le piante di limone, le più comuni sono funghi e i parassiti. Ricordiamo nello specifico per le piante in vaso la cocciniglia, la mosca bianca, il ragnetto rosso e il mal secco.

L’ingiallimento e la caduta delle foglie sono tra i primi segnali di allarme delle malattie, così come la comparsa di macchie sui frutti o di rami secchi. Oltre al trattamento con prodotti specifici per combattere l’azione di questi parassiti, se ancora non troppo diffusa sulla pianta, la potatura è la soluzione che permette la rimozione rapida della minaccia. 

Scopri il catalogo ManoMano
Insetticidi e trattamenti per piante

Scopri tutti i prodotti per la cura delle piante!

Guida scritta da:

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria, 127 guide

Giovanni, giardiniere per passione, Umbria

Alto come un soldo di cacio, già lavoravo nel giardino di famiglia. Forse è da lì che è nato il mio interesse per le piante e il giardinaggio. Era quindi logico per me seguire degli studi sia di biologia vegetale che di agraria. Accogliendo la richiesta di diversi editori, ho scritto in 25 anni numerosi libri sulla tematica delle piante, dei funghi (argomento che mi è a cuore), essenzialmente delle guide per il riconoscimento all’inizio, ma presto anche in seguito, sul giardinaggio, riallacciandomi così alla prima passione della mia infanzia. Ho anche collaborato regolarmente con diverse riviste specializzate nell’ambito del giardinaggio o più in generale della natura. Siccome non c’è giardiniere senza giardino, è in un piccolo angolo dell’Umbria che coltivo il mio da 30 anni e dove metto in pratica i metodi di coltura che vi consiglio.

  • Milioni di prodotti

  • Consegna a domicilio o in punto di raccolta

  • Centinaia di esperti pronti ad aiutarti