Come scegliere la VMC a flusso semplice

Come scegliere la VMC a flusso semplice

Antonio, ricercatore-tuttofare, Veneto

Guida scritta da:

Antonio, ricercatore-tuttofare, Veneto

La ventilazione meccanica controllata a flusso semplice è utile per rinnovare l'aria ed evacuare l'umidità. Che sia autoregolabile o igroregolabile, la VMC estrae l'aria viziata della casa per espellerla verso l'esterno. Ecco un confronto tra i sistemi VMC a flusso semplice.

Caratteristiche importanti

  • Autoregolabile
  • Igroregolabile
  • Portata
  • Dimensione dei condotti
Scopri i nostri dispositivi VMC a flusso semplice!

Cosa sapere sulla VMC

Le caratteristiche principali

Un sistema VMC si sceglie in base al tipo di abitazione (nuova, ristrutturata, collettiva) e al volume d'aria da trattare:

  • VMC autoregolabile automatica, è la VMC minima da prevedere in un'abitazione poco umida. Funzionando in modo continuo, non è cara, ma neanche tanto economica, a causa delle dispersioni di calore che genera;

  • VMC igroregolabile tipo A, solo le bocchette di evacuazione rilevano il tasso di umidità. Questi sistemi di VMC sono preferibili negli alloggi collettivi e negli edifici commerciali. Ideale per le ristrutturazioni e buon rapporto qualità/prezzo;

  • VMC igroregolabile tipo B, le bocchette di arrivo e di estrazione dell'aria rilevano l'umidità. Minori dispersioni di calore, più economiche e conformi ai requisiti della normativa.

Per via del loro costo, il tempo di ritorno del capitale investito nel sistema VMC a basso consumo è lungo. Per non avere alcuna dispersione di calore, opta per un sistema VMC a doppio flusso.

Formula di calcolo e dimensionamento dei condotti

Calcolo della portata d'aria

Il calcolo della portata d'aria della VMC si basa sulla seguente formula:

Volume cumulativo di tutte le stanze / 24 = Portata minima della VMC

Diametro consigliato dei condotti

  • 125 mm per la cucina.

  • 80 mm per il bagno.

Il numero di bocchette di evacuazione e la lunghezza dei condotti si determinano in base alle esigenze di trattamento d'aria dell'abitazione.

Tutto sulla VMC a flusso semplice

La VMC: un dispositivo essenziale per i ricambi d'aria della casa

La VMC: un dispositivo essenziale per i ricambi d'aria della casa

L'aria che respiriamo deve essere il più possibile salubre, ne va della nostra salute e del nostro benessere. L'aria presente nelle nostre abitazioni è piena di inquinanti:

  • inquinanti provenienti dall'esterno (particolato, ecc.);

  • emissione di prodotti cancerogeni da alcuni materiali (formaldeide dai materiali composti);

  • prodotti per la casa (etere glicolico, ammoniaca, ecc.);

  • incensi (benzene, ftalati, ecc.);

  • tabacco, ecc.

Benché sia fondamentale cambiare l'aria della propria abitazione aerandola quotidianamente, ciò non è tuttavia sempre possibile: stanze cieche, aperture sacrificate o semplicemente perché la temperatura esterna è troppo bassa e non si vuole far uscire il calore.

Per questi motivi, la VMC, ventilazione meccanica controllata, viene in aiuto per fornire alle nostre abitazioni un ricambio d'aria importante.

Una scarsa ventilazione in casa può avere gravi conseguenze per la salute degli abitanti e per la casa stessa (umidità).

Funzionamento di una VMC monoflusso

La VMC monoflusso, detta anche a flusso semplice, convoglia l'aria in una sola direzione: dall'interno all'esterno. L'aria viene estratta dalle stanze cosiddette umide (bagno, cucina, toilette, lavanderia) mediante bocchette di estrazione collocate di norma sul soffitto e poi viene espulsa fuori dall'abitazione attraverso dei condotti.

Circolazione dell'aria

La circolazione dell'aria avviene mediante l'azione di un motore a elica o turbina: l'aria aspirata da un lato viene espulsa dall'altro. L'aria esterna entra autonomamente attraverso le prese d'aria solitamente situate sulle finestre. La pressione dell'aria tra esterno e interno deve essere la stessa, quindi un volume d'aria sufficiente a mantenere questo equilibrio deve poter entrare nell'abitazione.

Il motore del sistema VMC è direttamente collegato a ciascuna stanza tramite un condotto. Il diametro di quest'ultimo dipende dal volume della stanza e dalla portata. Molto spesso le stanze di dimensioni ridotte come i bagni non hanno bisogno di un condotto dello stesso diametro delle altre perché la portata d'aria necessaria (espressa in m³/h) è diversa.

Scopri il catalogo ManoMano
Condotti per VMC

Differenze tra VMC a flusso semplice autoregolabile e VMC a flusso semplice igroregolabile

La differenza tra questi due tipi di VMC deriva dalla modalità di regolazione.

VMC monoflusso autoregolabile

VMC monoflusso autoregolabile

La VMC monoflusso autoregolabile assicura un ricambio costante dell'aria, senza regolazione esterna al sistema; solo il diametro dei condotti e la potenza del motore influiscono sul ricambio d'aria. Questi parametri vanno adattati in base al numero e al volume delle stanze in cui sono installate le bocchette di estrazione.

VMC monoflusso igroregolabile

VMC monoflusso igroregolabile

La VMC monoflusso igroregolabile regola il flusso d'aria in uscita in base all'umidità dell'aria interna, cioè in funzione del suo contenuto d'acqua. La regolazione del flusso avviene grazie a bocchette d'estrazione sensibili all'umidità nella stanza.

Scopri il catalogo ManoMano
VMC monoflusso igroregolabile

I vantaggi di una VMC monoflusso igroregolabile

Di concezione e funzionamento molto semplice, una VMC monoflusso autoregolabile è la ventilazione minima da avere. Se hai un budget limitato o l'abitazione non ha grossi problemi di umidità, puoi scegliere questo sistema di VMC. Se desideri avere una VMC con circuito di aerazione e non disperdere il calore, scegli una VMC a doppio flusso. Tuttavia, per via del suo funzionamento continuo, anche il suo consumo di energia sarà continuo. Questo parametro deve essere tenuto in considerazione nel budget perché, se l'aria esce in continuo dall'abitazione, lo stesso vale per il calore. La portata d'aria è costante e l'aria in ingresso non è filtrata.

Scopri il catalogo ManoMano
VMC a doppio flusso

I vantaggi di un sistema VMC monoflusso igroregolabile

Come spiegato in precedenza, la regolazione del flusso d'aria è basata sul tasso di umidità. Si distinguono due sottocategorie nelle apparecchiature che compongono questo tipo di VMC.

VMC igroregolabile A

VMC igroregolabile A

In una VMC igroregolabile A solo le bocchette di estrazione sono sensibili all'umidità. Le griglie d'aerazione sono sensibili solamente alla pressione.La VMC igroregolabile A è preferibile negli ambienti collettivi in ristrutturazione e negli edifici commerciali. Il loro rapporto qualità/prezzo è un buon compromesso tra budget e risparmio energetico (perdite di calore, consumo di elettricità).

VMC igroregolabile B

VMC igroregolabile B

La VMC igroregolabile B al contrario ha le bocchette d'estrazione e le griglie d'aerazione sensibili all'umidità. Ciò consente un controllo più preciso dei flussi d'aria, quindi un migliore controllo delle perdite di calore e di conseguenza un ulteriore risparmio. La loro installazione è diventata la regola nelle nuove costruzioni e il budget necessario è più consistente di quello per una VMC igroregolabile A o autoregolabile. Per ciascuno di questi due tipi di VMC igroregolabili, il ricambio dell'aria è minimo e l'aria che entra non viene filtrata.

Parametri da considerare per l'installazione di un sistema VMC monoflusso

La ventilazione

Il grande vantaggio della VMC monoflusso sta nel fatto che è necessaria una sola rete di condotti nell'abitazione (installazione più facile).

Attenzione al rumore della VMC! Scegli delle prese d'aerazione insonorizzate per limitare il sibilo dell'aria in entrata. Fai attenzione anche al luogo dove installare il motore perché, pur essendo di dimensioni ridotte, genera un rumore di fondo continuo che può risultare fastidioso specialmente la notte.

Se possibile, installa il motore in una soffitta con isolamento acustico sufficiente per evitare che il ronzio ti disturbi il sonno.

Diametro dei condotti

Diametro dei condotti

Il diametro dei condotti varia in funzione della loro destinazione. Considera:

  • cucina, diametro 125 mm;

  • bagno, diametro 80 mm.

Per ottimizzare le prestazioni della ventilazione, mantieni lo stesso diametro per la bocchetta di evacuazione, il condotto e il cassone. In ogni caso, se non è possibile mantenere gli stessi diametri (ad esempio in una ristrutturazione), dei manicotti ti permetteranno di adattare i diversi diametri. Evita il più possibile le riduzioni e gli angoli troppo pronunciati.

Per quanto riguarda i condotti, possono essere in PVC flessibile, in alluminio con un isolamento di lana di vetro e barriera al vapore (per ambienti freddi), in alluminio con spirale di filo d'acciaio o in alluminio semirigido. In funzione del loro tipo, i condotti per VMC hanno migliori prestazion acustiche ed evitano la condensa. I diversi diametri che puoi trovare sono:

  • 60 mm;

  • 80 mm;

  • 100 mm;

  • 125 mm;

  • 150 mm.

È una buona idea isolare i condotti se passano attraverso stanze non isolate e se la zona è molto fredda. In effetti, il contatto tra l'aria calda all'interno del condotto e l'aria fredda all'esterno può produrre condensa e di conseguenza acqua nei condotti.

Scopri il catalogo ManoMano
Condotti per VMC

Calcolo della portata d'aria di una VMC a flusso semplice

La VMC si sceglie in funzione del numero di stanze della tua abitazione poiché il motore deve essere sufficientemente potente per cambiare l'aria in meno di 24 ore. La portata dei motori VMC è sempre indicata. Confrontala con il tuo calcolo e scegli una VMC con una portata più elevata.

Calcola il volume totale della tua abitazione e dividilo per 24, così otterrai la portata (m³/h) minima di cui hai bisogno.

Caratteristiche di una VMC a basso consumo

Caratteristiche di una VMC a basso consumo

La specificità delle VMC a basso consumo è dovuta, come si può immaginare, al loro modesto consumo che è solo un terzo di una VMC standard. Dal punto di vista economico però queste VMC a basso consumo, chiamate generalmente VMC microwatt, sono piuttosto care all'acquisto, e occorrono quindi diversi anni per ammortizzarne il costo.

Prima dell'acquisto, verifica se la VMC che hai intenzione di acquistare può beneficiare di incentivi e detrazioni fiscali.

Le ragioni per scegliere una VMC monoflusso

Le ragioni per scegliere una VMC monoflusso

Questo tipo di ventilazione viene scelto perché rappresenta una soluzione economica in ambienti poco inquinati (l'aria in ingresso non viene filtrata).

La VMC a flusso semplice è un buon compromesso per ridurre le dispersioni emigliorare il comfort dell'ambiente.

Il disturbo acustico che può causare non è di per sé un grosso inconveniente perché può essere attenuato in qualche modo dall'isolamento acustico. Se il cassone d'estrazione deve avere un buon isolamento per evitare l'inquinamento acustico, non installarlo comunque troppo lontano, perché la ventilazione può perdere di efficacia se la lunghezza del condotto è eccessiva.

Non è consentito collegare apparecchi che richiedono un'evacuazione (cappa da cucina, asciugatrice, ecc.) a un condotto di ventilazione.

Scopri il catalogo ManoMano
VMC a flusso semplice

La VMC e la riqualificazione energetica

Insieme alla produzione di acqua calda sanitaria, all'isolamento termico, alla ventilazione e ad altri sistemi di riscaldamento, la VMC fa parte degli interventi di Riqualificazione Energetica volti a ridurre i consumi energetici e le emissioni di gas serra degli edifici.

Per saperne di più su ventilazione e climatizzazione

Scopri di più sulla riqualificazione energetica

 
Scopri i nostri dispositivi VMC a flusso semplice!

Guida scritta da:

Antonio, ricercatore-tuttofare, Veneto

Antonio, ricercatore-tuttofare, Veneto

Di formazione chimico e autodidatta nel bricolage, lavoro nell’industria farmaceutica. In quanto giovane papà di 36 anni, faccio bricolage così come respiro: in poche parole, sono un tuttofare. Ho alle spalle già 5 cucine installate, un appartamento ristrutturato e un’estensione della casa. Per motivi economici, mia moglie ed io abbiamo scelto l’opzione tettoia chiusa per l’estensione della casa con struttura di legno; in 3 anni, ho fatto tutto: isolamento, pannelli di gesso, elettricità, rifinitura, imbiancatura, parquet, cabina armadio, sanitario, pavimento… insomma 60 m2 realizzati interamente solo con le mie mani. Per fortuna, ho la mia personale ARREDATRICE perché, come si dice: i gusti e i colori non si discutono… Madame ha sempre l’ultima parola. Il mio motto: buoni attrezzi, buoni prodotti e il 50 % del lavoro è fatto; il resto è solo pazienza e minuziosità. Mettetevi alla tastiera, i buoni consigli sono da questa parte!

  • Milioni di prodotti

  • Consegna a domicilio o in punto di raccolta

  • Centinaia di esperti pronti ad aiutarti