Come scegliere una porta da interno

Come scegliere una porta da interno

Alberto, Responsabile del servizio giardinaggio, Irpinia

Guida scritta da:

Alberto, Responsabile del servizio giardinaggio, Irpinia

Con anima piena o alveolare, postformata o isolante, in rovere o laccata di bianco... La scelta di una porta da interno significa non solo definirne le prorietà tecniche, ma anche misurare il vano in cui viene installata, che si tratti di un'installazione nuova o nell'ambito di una ristrutturazione, e che sia su misura o come gruppo porta di dimensioni standard pronto per il montaggio, ti sveliamo tutti i segreti per sceglierla!

Caratteristiche importanti

  • Tipo di porta
  • Apertura
  • Elementi costitutivi
  • Materiali
  • Dimensioni
  • Rapporto con la luce
Tutte le porte da interno

I principali criteri per la scelta di una porta da interno

2021-08-Porte-avec-champlats-scaled

Una porta da interno deve sicuramente rispettare i tuoi gusti e lo stile dell'abitazione. Ma non solo: deve infatti rispondere ad altri criteri, altrettanto decisivi, di cui tenere conto a monte. In altre parole, prima di valutarne l'aspetto estetico, scegli il tipo di porta che corrisponde al tuo progetto sotto il profilo tecnico.

In caso di ristrutturazione, puoi optare per porte identiche o sceglierle in base alla stanza, tutto dipende dalle preferenze e dai gusti personali.

Questa scelta deve seguire diversi criteri:

  • Tipo di posa, che definisce il tipo di porta.

  • Senso dell'apertura, per determinare il tipo di infisso.

  • Tipo di circolazione, per scegliere le giuste dimensioni.

  • Stanza da delimitare, per predisporre una porta adatta.

  • Rapporto con la luce, per scegliere tra una porta piena o a vetro.

  • Isolamento acustico e termico, che definisce i materiali delle porte da interno

Sono questi criteri a determinare la scelta degli elementi costitutivi e le caratteristiche tecniche per le porte da interno.

Scopri il catalogo ManoMano
Porta da interno

I principali elementi che costituiscono una porta da interno

2021-08-Portes-dinterieur-blanches-scaled

Una porta è costituita da più elementi, ecco i pricipali:

  • Il gruppo porta, è l'insieme della porta, la ferramenta (che viene fornita o meno in base ai modelli) e il telaio o lo stipite della porta.

  • Pannelli, posati su entrambi i lati della porta, costituiscono la parte visibile.

  • Riempimento, parte situata all'interno della porta, costituita da una struttura alveolare o da materiali isolanti.

  • Oblò, parte in vetro di una porta pensata per lasciare passare la luce e migliorare l'illuminazione di una stanza.

  • Dispositivo di apertura/chiusura, ovvero maniglia, incontro, catenaccio, serratura (in base alla stanza). 

  • Cerniere e cardini, gli elementi che sostengono la porta e che costituiscono l'asse di movimento.

  • Binario o meccanismo a scomparsa, dispositivi che permettono l'apertura o la chiusura di una porta scorrevole.

Tipi di porte da interno, apertura, dimensioni e rapporto con la luce

Porta a scomparsa: una buona opzione per i piccoli spazi

2021-08-Porte-a-galandage-scaled

Cerchi di ottimizzare lo spazio di una stanza? La porta a scomparsa rappresenta un'ottima opzione! Grazie al sistema a scomparsa, la porta scorre all'interno del divisorio con discrezione. È un'opzione che ti permette di guadagnare uno spazio equivalente a 1 m² in più nella stanza interessata.

La porta a scomparsa è particolarmente adeguata ai piccoli spazi. Permette di posizionare facilmente un mobile laddove una porta classica lo impedisce. A differenza di quest'ultima, la porta a scomparsa non ingombra lo spazio della stanza con l'apertura.

Porta scorrevole: un'alternativa a basso costo

Le matériau adapté pour chaque élément du dressing

Analogamente alla porta a scomparsa, anche la porta scorrevole è fissata su un binario, con la differenza che quest'ultimo è installato sulla parete e non al suo interno. Si guadagna perciò uno spazio inferiore rispetto alla porta a scomparsa, ma è preferibile nel caso di una piccola ristrutturazione.

Porta a battente: l'opzione classica

2021-08-Ouverture-dune-porte-battante-scaled

La porta a battente è il tipo più comune. Montata su cerniere a maschietto, l'asse si situa in loro corrispondenza. Può essere posizionata su entrambi i lati del telaio. La porta a battente può essere singola o doppia. 

La porta girevole: eleganza e praticità

2021-08-Porte-pivotante

Una porta girevole sorprende per la sua originalità e praticità. Inserita in uno stile contemporaneo, costituisce un vero e proprio elemento decorativo. La sua particolarità consiste nel ruotare su un asse centrale o decentrato, da cui il suo nome. Questo tipo di porta va posato in un luogo spazioso, considerata la sua apertura.

Porta pieghevole: la soluzione per risparmiare spazio a un prezzo conveniente

7544042_1

Come suggerisce il nome, questo tipo di porta è formata da uno o due pannelli che si piegano e si distendono scorrendo su un binario. Quando sono presenti due pannelli, questi si chiudono sull'asse centrale del telaio.

La porta pieghevole rappresenta una buona opzione per i piccoli spazi e i portafogli ridotti.

Scegliere correttamente il senso dell'apertura della porta

Scegliere correttamente il senso dell'apertura della porta

Il senso dell'apertura è un altro punto importante da non trascurare. Infatti, la porta deve aprirsi in modo da ottimizzare lo spazio. Nel caso delle porte a battente, è necessario conoscere un po' di lessico specifico per prendere la giusta decisione sull'apertura: 

  • Destra a spingere: la porta, situata di fronte a te, si apre sulla stanza verso il lato destro quando la si spinge (cerniere a maschietto a sinistra, maniglia a destra).

  • Sinistra a spingere: la porta, situata di fronte a te, si apre sulla stanza verso il lato sinistro quando la si spinge (cerniere a maschietto a destra, maniglia a sinistra).

Dimensioni delle porte da interno: come misurare una porta da interno

L’essentiel à retenir sur les dimensions standards des portes et fenêtres

Sono la circolazione e il passaggio della stanza interessata a determinare la grandezza della porta. Nel caso di un soggiorno, ad esempio, bisogna considerare il passaggio dei mobili. Se si tratta invece di una cabina armadio o di un bagno con solo un WC, la porta può essere leggermente più stretta.

Per una persona a mobilità ridotta, è necessario che tutte le porte siano sufficientemente grandi. Le larghezze disponibili per le porte sono le seguenti:

  • 63 cm, passaggio di una persona, larghezza standard per i bagni con solo un WC;

  • 73 cm, larghezza standard delle porte da interno;

  • 83 cm, passaggio ampio, larghezza minima richiesta per le persone a mobilità ridotta;

  • 93 cm, passaggio molto ampio (porta di un soggiorno o di una cucina).

In merito all'altezza, le porte misurano generalmente 204 cm (altezza standard). Lo spessore, invece, è compreso tra i 30 e i 50 mm. Ovviamente esistono anche altre misure e, in caso contrario, è possibile chiedere di far realizzare le porte su misura.

Rapporto con la luce: porta piena o porta a vetro

2021-08-Porte-partiellement-vitree-scaled

La porta piena è il modello più impiegato per arredare l'interno di un'abitazione. Tuttavia, se la stanza ha bisogno di luce, optare per una porta di vetro può rivelarsi una buona mossa. Infatti, grazie alla presenza di un materiale trasparente o traslucido (vetro naturale o sintetico) la luce penetra all'interno della stanza.

Questa superficie è chiamata oblò. Le porte a vetro sono comuni per delimitare le cucine separate dal soggiorno. La forma dell'oblò si è molto evoluta, dai famosi rettangoli situati al centro della porta degli anni '70 alle forme moderne e di design. Questa evoluzione riflette le nuove tendenze in materia di decorazione di interni e di gestione della luminosità.

Principali tipi di porte, caratteristiche, usi e prezzo

Una porta è costituita essenzialmente da un'anima e da pannelli esterni. L'anima è la parte centrale della porta, su cui sono incollati i pannelli. Questi elementi definiscono i tipi di porte, le loro caratteristiche, il loro utilizzo e il prezzo. 

Tipo di porta

Caratteristiche

Utilizzi

Prezzo

Porta postformata

In materiali agglomerati con pannelli decorativi. Diversi colori, motivi e rilievi.

Alternativa economica alle porte in legno massello, adatta a tutte le stanze dell'abitazione.

€€

Porta con struttura alveolare

Struttura a "nido d'ape" ricoperta da pannelli decorativi. Porta abbastanza fragile

Utilizzabile in tutte le stanze, a condizione di averne particolare cura.

Porta isolante dal punto di vista acustico/termico

Nell'anima della porta si trova un isolante, grazie a cui la porta garantisce l'isolamento acustico, l'isolamento termico o entrambi.

Mantenere la temperatura o evitare la diffusione di rumori da una stanza all'altra. Può essere posata in tutte le stanze

€€€€

Porta piena

L'anima della porta è in materiale massiccio. Questo tipo di porta è particolarmente robusto.

Utilizzabile in tutte le stanze. È apprezzata per la decorazione tradizionale o di design.

€€€€

Porta a vetro

Presenza di vetro sintetico su tutta o parte della superficie. Il vetro utilizzato è generalmente traslucido.

Adatta a cucine, corridoi, bagni, stanze che necessitano di luce.

€€€

Scopri il catalogo ManoMano
Porta d'ingresso

I materiali delle porte da interno

2021-08-Porte-en-bois-massif-scaled

La robustezza delle porte da interno dipende dal materiale impiegato durante la fabbricazione. Ecco i principali materiali utilizzati per le porte da interno:

  • Legno: materiale estetico e robusto, è un isolante naturale. Si integra in modo armonioso con tutti gli stili decorativi.

  • Pannello di particelle: MDF o agglomerato, si tratta di alternative al legno dal costo inferiore. L'MDF ha una resistenza maggiore rispetto all'agglomerato.

  • Alluminio: materiale al contempo leggero, resistente ed estetico, che si adatta bene a uno stile contemporaneo. Tuttavia, il costo di acquisto è elevato.

  • PVC: utilizzato in più gamme, compone sia le porte economiche che quelle di fascia media. Abbinato ad altri materiali, come l'alluminio, può integrarsi a uno stile industriale o di design.

  • Vetro: naturale o sintetico, è inserito parzialmente sulle porte o, in casi più rari, sulla loro totalità. Traslucido, non trasparente, lascia passare la luce preservando l'intimità.

Scopri il catalogo ManoMano
Porte economiche

L'aspetto estetico: scegliere porte che rispecchino i propri gusti e la decorazione dell'interno

2021-08-Portes-dinterieur-scaled

Una volta definite le carattestiche tecniche delle porte, largo alla scelta di natura estetica. La priorità va accordata ai gusti personali, ovviamente in base al budget disponibile. Ecco alcuni consigli in materia di estetica per scegliere bene la tua porta da interno:

  • Colori: gioca con i toni e le intensità di colore diversi per creare contrasti. In una stanza chiara, una porta più scura è una buona opzione, e viceversa. Puoi anche optare per una porta da verniciare e personalizzarla.

  • Rilievi: le porte con modanature sono senz'altro un pezzo forte per il tuo arredo. La scelta riguarda numerosi stili. Troverai senz'altro il modello più appropriato!

  • Superfici vetrate: come ricordato prima, spesso è necessaria una porta con un pannello traslucido o trasparente in vetro sintetico o naturale. In questo caso, osa con i modelli innovativi, ad esempio, con più vetri disposti in modo originale.

  • Maniglia per porta: si tratta spesso di un elemento trascurato. Per le tue porte da interno, scegli maniglie per porta di qualità. I modelli più economici sono fragili e sono destinati a essere sostituiti dopo un breve periodo di utilizzo. 

Come avrai capito, per scegliere correttamente una porta da interno, è necessario sapere coniugare gli aspetti tecnici alle preferenze estetiche. Con questi elementi alla mano, adesso tocca a te!

Scopri di più

 
Tutte le porte da interno

Guida scritta da:

Alberto, Responsabile del servizio giardinaggio, Irpinia

Alberto, Responsabile del servizio giardinaggio, Irpinia

Da diversi anni, dirigo un servizio di giardinaggio presso una clientela di privati e imprese. Guido una squadra di giardinieri e assicuro la creazione e la manutenzione di spazi verdi. Inoltre apporto ai clienti la mia esperienza in termini di manutenzione e miglioramento dei loro giardini. Infatti, con una formazione commerciale e avendo esercitato funzioni nel settore alberghiero all’inizio della carriera, mi sono orientato verso la manutenzione paesaggistica all’interno di un ente territoriale dove ho acquisito solide competenze tecniche mediante formazioni in azienda e sorveglianza di importati cantieri in un comune in piena evoluzione. Sul piano personale, sono altrettanto proiettato verso l’arte del giardinaggio. Con mia moglie, ho creato il nostro giardino dalla A alla Z e provvedo con cura alla sua manutenzione, così come l’orto! E tutto ciò che è bricolage, non è da meno! Eh sì, fare giardinaggio significa anche fare bricolage: pergola, capanno, pavimentazione, recinzione, e via dicendo… C’è sempre da fare in giardino! Dopo aver ben lavorato, io e mia moglie siamo fieri del risultato ottenuto e felici di poter approfittare a pieno di un ambiente conviviale e caloroso! Allora darvi consigli e aiutarvi nelle scelte per l’attrezzatura, il mantenimento e il miglioramento del vostro giardino sarà una passeggiata!

  • Milioni di prodotti

  • Consegna a domicilio o in punto di raccolta

  • Centinaia di esperti pronti ad aiutarti