Come pulire l'acciaio

Come pulire l'acciaio

Paola, Tuttofare autodidatta

Guida scritta da:

Paola, Tuttofare autodidatta

L’acciaio, e soprattutto l’acciaio inox, sono tra i materiali più presenti nelle nostre case. Scelti per la robustezza, la resistenza e la lucentezza, col passare del tempo, possono ossidarsi, presentare aloni e macchie, graffiarsi e perdere brillantezza. Scopri quali sono i prodotti giusti e i metodi per riportare l’acciaio al suo splendore originale.
Scopri i nostri prodotti per lucidare e rinnovare le superfici!

Cosa non utilizzare mai per pulire l'acciaio inox

Cosa non utilizzare mai per pulire l'acciaio inox

Anzitutto, è importante sottolineare quali sono i prodotti industriali da evitare perché potrebbero rovinare o compromettere in maniera irreparabile l’acciaio della cucina.

Evita detergenti in polvere o prodotti a base di cloro, poiché risulteranno abrasivi sulla superficie in acciaio e, anziché pulire, creeranno segni o graffi evidenti. Analogamente, non utilizzare prodotti studiati per altri materiali, come per esempio quelli per lucidare l’argento, in quanto non sono interscambiabili.

Per quanto riguarda spugne e panni, non scegliere spugne abrasive, pagliette, spazzole metalliche o lane d’acciaio che potrebbero graffiare il piano cottura o il lavello in acciaio.

Infine, ricorda sempre di utilizzare un sottopentola in sughero o gomma siliconica tra il piano di lavoro in acciaio e le pentole bollenti, per evitare di creare aloni e macchie, o perfino di bruciare la superficie. Prevenire è sempre meglio che curare.

Come pulire e lucidare l'acciaio ossidato, arrugginito o rovinato

Come pulire e lucidare l'acciaio ossidato, arrugginito o rovinato

L’acciaio subisce un naturale processo di ossidazione, dovuto soprattutto all’azione del calcare e dei minerali presenti nell’acqua.

  • Per pulire pentole e padelle rovinate dalla cottura, immergile in acqua con una soluzione a base di aceto e succo di limone, e strofinale delicatamente: questi due ingredienti agiranno in maniera efficace come potenti rimedi naturali.

  • Per le superfici ossidate, invece, una soluzione ideale è il bicarbonato. Strofina un cucchiaio di bicarbonato con un panno delicato o un batuffolo di cotone, lascia agire il prodotto per qualche minuto, poi risciacqua e asciuga con cura.

  • Un altro rimedio per rimuovere lo strato di ossido è quello di preparare una pasta abrasiva naturale a base di sale e limone. Spalma il composto sulla superficie e lascia agire fino a 30 minuti, poi risciacqua con una spugna e asciuga con un panno.

Pulire l'acciaio: come mantenerlo brillante nel tempo

Pulire l'acciaio: come mantenerlo brillante nel tempo

Il primo segreto per mantenere l’acciaio come nuovo è pulirlo regolarmente dopo ogni uso, avendo cura di eliminare residui di cibo e macchie di grasso con un panno in microfibra e del comunissimo sapone per piatti. Una costante azione delicata sarà senza dubbio più efficace di una pulizia saltuaria aggressiva.

Prova anche ad alternare i prodotti utilizzati, privilegiando i metodi naturali nel quotidiano e intervenendo una volta al mese con un prodotto specifico facilmente reperibile in commercio.

Se l’acciaio non presenta graffi e macchie di ossidazione, per preservare nel tempo la sua brillantezza sarà sufficiente inumidire un panno morbido in microfibra con alcool denaturato, efficace per la rimozioni dei classici aloni antiestetici.

Scopri il catalogo ManoMano
Prodotto specifico

Come lucidare l'acciaio con i metodi naturali

Come lucidare l'acciaio con i metodi naturali

Per un minore impatto sulla salute e sull’ambiente, usa con parsimonia i prodotti e detersivi chimici, e preferisci sempre i vecchi rimedi della nonna a base di soluzioni naturali. Gli ingredienti principali per trattare l’acciaio sono olio, aceto di vino, bicarbonato di sodio e limone, utilizzati con una spugnetta delicata, un panno morbido in microfibra e uno spazzolino da denti per gli spazi ristretti o un batuffolo di cotone per strofinare. L’olio vanta un elevato potere lucidante, l’aceto è ideale per sgrassare, il bicarbonato ha un naturale effetto abrasivo che non graffia, mentre il limone rimuove incrostazioni e igienizza in profondità.

Un altro metodo che prevede l'utilizzo di ingredienti disponibili in tutte le cucine è quello di tagliare a metà una cipolla abbastanza grande, cospargerne la superficie piatta con dello zucchero e usarla come se fosse una spugna.

In alternativa, se hai un camino in casa, usa la cenere per preparare una sorta di crema. Prendi qualche cucchiaio di cenere, aggiungi acqua tiepida e qualche goccia d'olio fino a formare una pasta piuttosto liquida, perfetta per lucidare una vecchia pentola o una padella.

Scopri il catalogo ManoMano
Panno

Come lucidare l'acciaio graffiato

Come lucidare l'acciaio graffiato

Se il tuo acciaio si è graffiato accidentalmente, non disperare: esistono diverse soluzioni per tentare di rimuovere i segni che intaccano le superfici.

Per un effetto immediato e rapido su graffi di piccole dimensioni, usa un panno specifico, reperibile in commercio, in fibra attiva lucidante. Sarà sufficiente passarlo una sola volta sul lavello o sul piano cottura per dei risultati sorprendenti. È una soluzione economica, pratica e riutilizzabile, che permette anche di salvaguardare l’ambiente risparmiando sull’uso di prodotti chimici.

Se i graffi sono invece più profondi, è possibile acquistare degli appositi tubetti di pasta o kit analoghi che agiscono riempiendo i piccoli solchi. Dopo l’applicazione, basterà pulire e lucidare la superficie danneggiata per ripristinarla correttamente.

Fra i rimedi naturali, non dimenticare il dentifricio, da strofinare con un panno, ottimo per ridurre i graffi, ad esempio, sulle pentole in acciaio. Oppure versa qualche goccia di olio d’oliva su un panno pulito, strofina e infine asciuga con della carta da cucina: un effetto lucidante immediato senza gli antipatici aloni!

Scopri il catalogo ManoMano
Carta da cucina

Per saperne di più

 
Scopri i nostri prodotti per lucidare e rinnovare le superfici!

Guida scritta da:

Paola, Tuttofare autodidatta

Paola, Tuttofare autodidatta

Di professione sono addestratrice di cani ma nel fine settimana mi piace dedicarmi alla mia attività preferita, il bricolage, e in particolare la trasformazione di vecchi mobili. Sono bravissima a rinnovare un vecchio tavolo o una vecchia cassettiera. Con un papà tuttofare, sono cresciuta al suon di martello e trapano e so utilizzare la maggior parte degli attrezzi. Ho appreso le basi del fai da te per passione. L'arte del riuso è un vero e proprio modo di vivere e mi ha insegnato come dare una seconda vita a tutte le cose. Adoro trasmettere le mie conoscenze anche agli amici “a due zampe”. Convinta che ogni persona può reinventare la propria casa attraverso piccoli cambiamenti, sono sempre alla ricerca di nuove idee da mettere in pratica e disponibile a dare consigli in ambito decorativo!

  • Milioni di prodotti

  • Consegna a domicilio o in punto di raccolta

  • Centinaia di esperti pronti ad aiutarti