Set avvitamento inserti bosch pz 10 ph-pz-torx

Vedere la descrizione
14,59 €
12
16
-
16%
12
16
14,59 €
-
16%
total
12
16
Pagamento sicuro
Modalità di consegna
  • A casa tua tra il 01/07/2021 e il 05/07/2021 se ordini prima delle 17 (Spese di spedizione a partire da 8,00 €)

Descrizione

SET AVVITAMENTO INSERTI BOSCH PZ. 10 PH-PZ-TORX

Inserti 'BOSCH'

Box con 9 bit di avvitamento (n.3 Croce PH, n.3 Croce PZ,

n.3 Torx) + 1 portabit universale

caratteristiche

  • Testa
    Pozidriv
  • Tipo
    Bit di avvitamento
  • Caratteristiche
    Universale
  • Referenza ManoMano
    ME17506542
  • SKU
    25669FV

Presentazione della marca

BOSCH
Nel lontano 1886, un giovane ingegnere tedesco di 25 anni, Robert Bosch, creò un’impresa di ingegneria elettrica a Stuttgart. Era di ritorno da un lungo viaggio di lavoro negli Stati Uniti, durante il quale aveva potuto lavorare per Thomas Edison, considerato uno dei più grandi ingegneri e imprenditori della storia. Bosch migliorò l’anno successivo il magnete d’accensione, per poi essere il primo ad adattarlo ad un motore d’automobile: questa innovazione gli permetterà di sviluppare in maniera celere la propria impresa. Negli anni 20, convertirà l’impresa nata nel settore automobilistico in quello elettronico. Bosch fu anche uno dei primi grandi sostenitori della creazione dell’Europa, nel periodo tra le due guerre. L’ azienda da lui creata seppe prendere le distanze in maniera originale dalle altre aziende di elettronica, puntando su una strategia a lungo termine e di alta gamma, dal celebre trapano verde ai prodotti più complessi, come le fresatrici e gli attrezzi da giardino (tagliasiepi, motoseghe..). E fu il grande successo che tutti conosciamo. Bosch conta oggi 280 000 persone nel mondo, di cui 7 000 in Francia, per un giro d’affari di 46 miliardi di euro. Bosch continua a destinare fino al 10% di questa cifra in R&S, un sforzo considerabile raro nell’industria. 92% del capitale di Robert Bosch Gmbh è detenuto dalla fondazione di beneficenza Robert Bosch Stiftung GmbH e i guadagni dell’azienda vengono riversati nella fondazione. L’8% del capitale restante è detenuto dagli eredi della famiglia di Robert Bosch.